Chi siamo

ARCH. FRANCESCO MURANO

Dopo il conseguimento di una laurea a Roma in Composizione Architettonica, un master alla Domus Academy di Milano e il titolo di Dottore di ricerca in Disegno Industriale presso il Politecnico di Milano, Francesco Murano si avvicina al Design Primario e alla progettazione di elementi immateriali tra i quali la luce, della quale si occupa da molti anni.

All’attività di lighting designer affianca quella di docente del Politecnico di Milano sia in corsi ordinari della Scuola del Design che in moduli organizzati in vari Master promossi dal Polidesign o da altri Enti culturali in Italia e all’Estero.

Appassionato di composizione architettonica, luce, teatro e tecnologia e abituato a confrontarsi con i grandi maestri della pittura, Francesco Murano è autore delle luci delle più importanti mostre d’arte in Italia a conferma della reputazione della quale gode, costruita in anni di impegno e passione, che lo ha reso un punto di riferimento per i principali operatori del sistema cultura e arte.

Nel corso del 2017 ha curato la valorizzazione luminosa di grandi mostre d’arte come Giovanni Boldini a Torino, Escher a Catania, Frida Kahlo a Bologna, Henri de Toulouse-Lautrec a Verona senza dimenticare le visitatissime esposizioni milanesi dedicate a Keith Haring a Palazzo Reale e a Vassilij Kandinskij al Mudec. Non per ultimi, i progetti che lo vedono attualmente coinvolto sono la magistrale illuminazione a Palazzo Marino della Pala Gozzi – capolavoro della pittura del 500 italiano del Tiziano – e la retrospettiva Escher al Museu de Arte Popular di Lisbona.

I suoi progetti e le sue realizzazioni sono stati pubblicati dalle più note riviste italiane di design e d’architettura.